La grossa confezione di Xiaomi 13 Pro contiene al suo interno un alimentatore da ben 120W, un cavo USB-C (specifico per supportare questa velocità di ricarica) e anche una apprezzatissima cover in silicone trasparente, che lo protegge da eventuali cadute.

Xiaomi 13 Pro prosegue sulla strada della scocca in ceramica, una bellissima soluzione che permette di far sì che lo smartphone rimanga con un aspetto illibato come il primo giorno anche dopo molto tempo, grazie alla sua caratteristica di resistere molto bene ai graffi. Trattiene un po’ le impronte digitali ma si pulisce con semplicità. Il design è pulito e moderno, anche se il blocco delle fotocamere visto di traverso tradisce il suo spessore non trascurabile. In tutto lo smartphone è spesso 8,4 millimetri, ma è soprattutto il peso di 210 grammi che si farà notare durante l’utilizzo. È anche un po’ scivoloso. Bene però per l’impermeabilità grazie allo standard IP68.

Questo Xiaomi 13 Pro è a uno smartphone premium sotto molti aspetti. Partendo dal processore Snapdragon 8 Gen 2 da 4 nanometri fino a 3,2 GHz, passando per la GPU Adrneo 740 e soprattutto per i 12 GB di RAM e per i 256 GB di memoria interna UFS 4.0. Velocissima. Ottima la connettività: Wi-Fi 6E, Bluetooth 5.3, NFC, supporto dual SIM ed emettitore ad infrarossi. Manca purtroppo il supporto per l’uscita video tramite USB-C e quello per le SIM virtuali. Molto buono l’audio stereo e abbiamo anche il supporto al Dolby Atmos. Il lettore di impronte digitali è all’interno del display ed è veloce e preciso.

Le prestazioni offerte da questo processore poi abbiamo già imparato a conoscerle sui concorrenti. Questo processore Snapdragon riesce a mantenere prestazioni elevate anche con un utilizzo prolungato e senza incidere troppo in termini energetici, anche se sul retro un po’ di calore sembra comunque accumularsi.

Xiaomi ha fatto la cosa giusta e ha dotato il suo Xiaomi 13 Pro di ben tre fotocamere da 50 megapixel. La principale è una fotocamera da 1″ con stabilizzazione ottica dell’immagine e apertura ƒ/1.9. La secondaria è una grandangolare ƒ/2.2, mentre l’ultima ƒ/2.0 garantisce uno zoom ottico 3,2X.

Si tratta di un eccellente kit che garantisce foto di alta qualità in ogni contesto, anche grazie alla collaborazione con Leica. Se si sceglie l’opzione di scatto “Leica autentico” abbiamo poi anche una maggior fedeltà dei colori e anche di contrasto nelle immagini. È anche vero però che per l’utente medio il profilo “Leica vivace” è quello che darà più soddisfazione. Al netto di qualche immagine con un po’ troppo post processing per il resto Xiaomi 13 Pro è uno smartphone davvero eccezionale per quanto riguarda la fotocamera. Immagini nitide, ricche di dettagli e con un buon bilanciamento del colore.

Dove Xiaomi 13 Pro da il meglio è però negli scatti notturni. Può ancora capitare di scattare uno scatto “sfortunato” ma nel complesso buona parte degli scatti saranno migliori rispetto alle aspettative. Lo scatto infatti rimane molto veloce anche con poca luce, minimizzando il rischio di parti mosse. Bene anche la fotocamera grandangolare e lo zoom 3,2X, che nel complesso soffrono solo un po’ più di movimenti involontari o qualche minimo errore di messa a fuoco.

Molto bene anche la parte video. I video in 8K sono di ottima qualità e i filmato in 4K a 60fps sono comunque molto buoni, rimanendo utilizzabili in praticamente ogni contesto. Non raggiunge la stabilizzazione di alcuni “colleghi” eccellenti, ma siamo assolutamente nella parte alta della “classifica”.

Xiaomi ha scelto per questo 13 Pro un display curvo da 6,7 pollici con risoluzione 2K (1400 x 3200 pixel) e realizzato in tecnologia LTPO AMOLED. Sia la risoluzione che il refresh rate possono regolarsi in automatico durante l’utilizzo in base al contenuto mostrato e in quest’ultimo caso si può arrivare fino a 120 Hz (con un minimo di 1 Hz). Questo pannello, leggermente curvo ai bordi, supporta una luminosità di picco di 1.900 nits. Si tratta di un fantastico pannello che vi darà grandi soddisfazioni nell’utilizzo quotidiano. Supporta anche un vero (a differenza di altri Xiaomi) always-on display ed è protetto da un vetro Gorilla Glass Victus.

Xiaomi 13 Pro arriva con Android 13 e la MIUI 14 ad aggiungere personalizzazione e funzionalità aggiuntive. Quest’ultima incarnazione della MIUI 14 purtroppo non porta con sé vere novità e anzi, almeno sul mercato europeo, è praticamente identica alla MIUI 13. Tra le personalizzazioni più interessanti troviamo il menù laterale (che nelle app video ha anche un menù specifico con alcune funzioni molto interessanti), il doppio tocco sul retro per le scorciatoie, la turbo RAM e la possibilità di avviare rapidamente funzionalità e app tenendo premuto più a lungo sul lettore di impronte digitali dopo lo sblocco. Il software è fulmineo e non abbiamo incontrato bug, ma rispetto ad altri concorrenti e forse qui che il gap si è maggiormente allargato.

Xiaomi 13 Pro mette sul piatto una batteria da 4.820 mAh che garantisce una ottima autonomia con un utilizzio medio. In realtà l’autonomia è molto buona anche per un utilizzo prolungato, anche se sotto il peso di lunghe sessioni di gioco o di registrazione video, può comunque scaricarsi un po’ più velocemente. La batteria leggermente meno capiente di altri concorrenti è per fare spazio ad un sistema di ricarica a 120W che garantisce una ricarica da 0 a 100 in soli 19 minuti. Fatanstico. Fantastica anche la velocità di ricarica wireless a 50W. È presente anche la ricarica wireless a 10W.

Xiaomi 13 Pro viene lanciato sul mercato a 1.399€. Si tratta di un prezzo alto in assoluto e alto anche nel listino Xiaomi e in rapporto ai concorrenti che allo stesso prezzo a oggi offrono sicuramente qualcosa in più. La promo di lancio di 100€ in meno è interessante, ma al momento del lancio non è certo dirimente. A fronte di altri sconti, che ci aspettiamo nei prossimi mesi, sicuramente Xiaomi 13 Pro diventerà molto più allettante.

L’articolo Recensione Xiaomi 13 Pro: l’azienda alza il tiro sembra essere il primo su Androidworld.

Powered by WPeMatico

Di admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.