Home » Apple » Apple aggiorna le linee guida dell’App Store, aprendosi al Cloud Gaming su iOS!

Apple aggiorna le linee guida dell’App Store, aprendosi al Cloud Gaming su iOS!

Apple aggiorna le linee guida dell’App Store, aprendosi al Cloud Gaming su iOS!

App Store

Apple ha annunciato una serie di modifiche alle linee guida per la revisione dell’App Store dopo diverse importanti controversie degli ultimi mesi. 

Le nuove linee guida e gli aggiornamenti si riferiscono ad aree come gli acquisti in-app, i servizi di giochi in streaming e le applicazioni di prestito personale.

Apple afferma che l’obiettivo delle nuove linee guida 3.1.2 e 3.1.3 è aggiungere ulteriore trasparenza sui tipi di applicazioni richieste per utilizzare il sistema di acquisto in-app di Apple. 

Apple afferma che se un’app consente l’acquisto di esperienze personali in tempo reale tra due persone, come allenamento fitness, consulenze mediche o tour immobiliari, gli sviluppatori possono utilizzare metodi di acquisto diversi dall’acquisto in-appLe app che offrono esperienze in tempo reale one-to-few o one-to-many devono utilizzare l’acquisto in-app, afferma Apple.

Inoltre, in relazione agli acquisti in-app, le applicazioni Reader possono ora offrire la creazione di account per livelli gratuiti e funzionalità di gestione dell’account per i clienti esistenti. Le app gratuite che fungono da compagne autonome di uno strumento basato sul Web a pagamento, come i servizi di posta elettronica e l’hosting Web, non devono utilizzare l’acquisto in-app fintanto che non ci sono acquisti all’interno dell’app.

Altrove, le nuove linee guida di Apple si concentrano fortemente sui servizi di giochi in streaming e formalizzano le aspettative per questi servizi, qualora dovessero scegliere di essere disponibili su iPhone e iPad. Ciò dovrebbe applicarsi a servizi come la piattaforma di gioco in streaming Xbox di Microsoft e Google Stadia.

I giochi in streaming sono consentiti purché aderiscano a tutte le linee guida: ad esempio, ogni aggiornamento del gioco deve essere sottoposto a revisione, gli sviluppatori devono fornire metadati appropriati per la ricerca, i giochi devono utilizzare l’acquisto in-app per sbloccare funzionalità o funzionalità, ecc.

Apple spiega che ogni gioco in streaming deve essere inviato all’App Store come una singola applicazione, in modo tale che abbia una pagina del prodotto App Store, venga visualizzato nei grafici e nella ricerca e si integri con altre funzionalità ed esperienze iOS. Le aziende possono, tuttavia, offrire un’applicazione catalogo che include collegamenti alle versioni App Store di tutti i giochi disponibili tramite il loro servizio.

app store

Ad esempio, un’azienda può offrire 11 applicazioni sull’App Store: 10 giochi e 1 catalogo. L’applicazione del catalogo si collegherebbe ai 10 giochi disponibili nel servizio tramite l’App Store, ma i giochi e l’app del catalogo devono aderire ad altre linee guida dell’App Store relative all’acquisto in-app. Apple specifica che i servizi di giochi in streaming devono offrire “agli utenti la possibilità di pagare un abbonamento con acquisto in-app”.

  • Ogni gioco in streaming deve essere inviato all’App Store come singola app in modo che abbia una pagina del prodotto App Store, venga visualizzato nei grafici e nelle ricerche, abbia valutazioni e revisioni degli utenti, possa essere gestito con ScreenTime e altre app di controllo genitori, appaia sul dispositivo dell’utente, ecc.
  • I servizi di giochi in streaming possono offrire un’app catalogo sull’App Store per aiutare gli utenti a registrarsi al servizio e trovare i giochi sull’App Store, a condizione che l’app aderisca a tutte le linee guida, inclusa l’offerta agli utenti della possibilità di pagare un abbonamento con -app acquista e usa Accedi con Apple. Tutti i giochi inclusi nell’app catalogo devono collegarsi a una singola pagina del prodotto App Store.

Le nuove linee guida incentrate sui servizi di giochi in streaming arrivano dopo che Microsoft ha criticato Apple e ha incolpato la società per la sua decisione di non portare il suo servizio di giochi in streaming xCloud su iPhone e iPad. Le nuove linee guida formalizzano i requisiti di Apple per la categoria dei giochi in streaming e offrono un percorso ad aziende come Microsoft e Google per portare i propri servizi nell’ecosistema iOS, pur con l’obbligo di utilizzare il sistema di acquisto in-app.

xCloud

Anche se i dettagli qui sono ancora poco chiari, sembra che il gioco scaricato dall’App Store possa essere essenzialmente un “wrapper” e il gioco vero e proprio viene trasmesso in streaming tramite la connessione Internet. In sostanza, dovremo scaricare il “gioco” dall’App Store, accedere con un account esistente o registrarci utilizzando il sistema di acquisto in-app di Apple, quindi giocare dai server dell’azienda.

Ci sono anche nuove linee guida per App Clips, che è una nuova funzionalità di iOS 14:

Clip di app, widget, estensioni e notifiche devono essere correlati al contenuto e alla funzionalità della tua app. Inoltre, tutte le funzionalità e le funzionalità di App Clip devono essere incluse nel file binario dell’app principale. Le clip delle app non possono contenere pubblicità.

Infine, Apple sta anche annunciando modifiche per le applicazioni che offrono prestiti personali. la società afferma che le app che offrono prestiti personali devono divulgare chiaramente tutti i termini del prestito, comprese cose come la percentuale massima annua e il giorno di scadenza del pagamento. 

Alle app è inoltre vietato addebitare un TAEG massimo superiore al 36% e potrebbe non richiedere il rimborso completo in 60 giorni o meno. Apple afferma che queste modifiche relative ai prestiti personali sono conformi alla legge sui prestiti militari.

Poetete trovare le linee guida complete per la revisione dell’App Store sul sito web degli sviluppatori di Apple.

Powered by WPeMatico

admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.