Nuova causa contro Apple, accusata di violare la privacy degli utenti tramite App Store

Una nuova causa afferma che Apple sta violando intenzionalmente la privacy degli utenti e monetizzando i dati degli utenti senza autorizzazione.

Il querelante Elliot Libman ha intentato quella che spera diventi una class action contro Apple. La causa sostiene che, poiché Apple tiene traccia di tutto ciò che un utente tocca sull’App Store, sta violando un diritto alla privacy.

Secondo la causa, la ricerca pubblicata alcuni giorni fa ha messo in evidenza che Apple “registra, traccia, raccoglie e monetizza i dati analitici – inclusa la cronologia di navigazione e le informazioni sulle attività – indipendentemente dalle impostazioni sulla privacy che i consumatori utilizzano per proteggere la loro privacy”.

In particolare, la causa cita le impostazioni “Consenti alle app di richiedere il tracciamento” e “Condividi analisi” come i problemi principali di violazione di privacy della società di Cupertino:

“Le pratiche di Apple violano la privacy dei consumatori; ingannano intenzionalmente i consumatori; danno ad Apple e ai suoi dipendenti il ​​potere di apprendere dettagli intimi sulla vita, gli interessi e l’utilizzo delle app delle persone; e rendono Apple un bersaglio per lo “one-stop shopping” di qualsiasi governo , privato o criminale che vuole minare la privacy, la sicurezza o la libertà delle persone. Attraverso la sua attività pervasiva e illegale di tracciamento e raccolta di dati, Apple conosce anche gli aspetti più intimi e potenzialmente imbarazzanti dell’utilizzo delle app da parte dell’utente, indipendentemente dal fatto che l’utente accetta l’offerta illusoria di Apple di mantenere tali attività private.”

Gli avvocati credono che il dichiarante dovrà scalare una montagna per vincere la causa. Non è chiaro se il querelante e/o gli avvocati che hanno intentato la causa comprendano la distinzione tra raccolta di dati lato server e come funzionano le impostazioni al centro della causa.

È anche probabile che questi dati citati nella causa siano raccolti lato server. Ad esempio, la cronologia delle visualizzazioni di Netflix dello streamer video viene archiviata lato server e collegata ad un account per la raccolta di tali dati sul server, dove l’impostazione per la richiesta di non tracciamento non si applica.

Nel caso di dati lato server, le impostazioni “Consenti alle app di richiedere il tracciamento” e “Condividi analisi” sono irrilevanti. Anche la parte su “Analisi delle condivisioni” probabilmente non è rilevante di per sé, perché la cronologia di navigazione dell’app non è legata all’analisi del dispositivo utilizzata per determinare lo stato di un dispositivo e il suo servizio Internet quando si manifesta un problema.

La causa sostiene che le informazioni personali dei consumatori hanno un valore economico. Lo studio citato nella causa si basa sulla vendita di dati, compresi quelli raccolti da hack e/o furti. Apple afferma che non vende i dati degli utenti e non ci sono prove che lo faccia.

Inoltre, Apple dichiara come utilizza i dati nelle sue piattaforme pubblicitarie. La società ha dichiarato che la sua piattaforma pubblicitaria non collega i dati dell’utente o del dispositivo con i dati raccolti da terze parti per la pubblicità mirata e non condivide il dispositivo dell’utente o l’identificazione del dispositivo con le società di raccolta dati.

La causa sostiene che Apple ha “invaso una zona di privacy protetta dal quarto emendamento” e “ha violato dozzine di leggi penali statali sulle intercettazioni e l’invasione della privacy”. Tuttavia, il quarto emendamento non sembra essere applicabile qui.

Non è chiaro il motivo per cui la raccolta di dati da parte di una società con cui si intrattiene rapporti commerciali e che ha accettato la raccolta dei dati nei termini di servizio di un prodotto, in questo caso l’App Store o l’ iPhone stesso, sia una violazione delle leggi sulle intercettazioni, soprattutto se Apple rende anonimi i dati raccolti dall’App Store.

La causa continua citando un comportamento “altamente offensivo” per quanto riguarda le “intrusioni intenzionali” nelle comunicazioni Internet ed il “monitoraggio segreto della navigazione in app private”. Affinché Apple o qualsiasi app fornisca dati su Internet a un cliente per quanto riguarda la navigazione e l’acquisto nell’App Store, a un certo livello l’azienda deve sapere cosa è stato acquistato da un determinato utente.

La tecnologia di Apple, ad esempio, ha impedito all’ISP o all’operatore wireless del filer di tracciare gli utenti sull’App Store.

I dati dell’utente identificabili sono necessari non solo per il funzionamento di Internet, ma anche per l’autenticazione e il funzionamento di servizi a pagamento come App Store, Libri e Musica.

Come sempre, la causa cerca “la restituzione di tutti i soldi ricavati dalla vendita dei dati” e un provvedimento ingiuntivo. È richiesto un processo con giuria.

Powered by WPeMatico

Di admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.