Home » WordPress » Come monitorare l’uptime del tuo sito web, 9 strumenti gratuiti

Come monitorare l’uptime del tuo sito web, 9 strumenti gratuiti

Come monitorare l'uptime del tuo sito web, 9 strumenti gratuiti

Un sito down, non visualizzabile per qualsiasi motivo, può portare alla perdita di:

  • Soldi: se guadagni con il tuo sito, magari attraverso un ecommerce o anche semplicemente tramite pubblicità, avere il sito down anche per qualche decina di minuti ti può far perdere grandi quantità di denaro.
  • Utenti: chiunque voglia visitare il tuo sito non potrà farlo. Perderà la possibilità di iscriversi alla tua newsletter, di diventare fan, di condividerlo sui social network, di navigare tra i tuoi contenuti, di cliccare sui banner, di effettuare qualche acquisto, di …
  • Fiducia-Credibilità: arrivare per la prima volta su un sito e vedere una pagina con scritto che il sito è irraggiungibile non può lasciare di certo una buona impressione. Se i down sono frequenti, anche gli utenti più affezionati potrebbero cominciare a perdere fiducia nei tuoi confronti, e senza fiducia è difficile vendere.

Partendo dal fatto che qualunque sito prima o poi diventerà irraggiungibile almeno per pochi minuti, meno il sito è down e meglio è.

Ok. Ma coma fai a sapere quando il sito è o non è raggiungibile?

Stai sveglio 24 ore su 24 e continui ad aggiornare la pagina… ovviamente no! 🙂 Ci sono degli strumenti gratuiti che monitorano la percentuale del tempo in cui il sito è raggiungibile (uptime) e ti avvisano in caso di down inviando email, sms o notifiche push. In questo modo hai la possibilità di:

  • Metterti in contatto immediatamente con il tuo hosting provider (qui la lista di quelli stranieri e italiani), ricevere informazioni utili sul problema e inoltrarle ai tuoi utenti tramite email o social network.
  • Avere dei dati sull’uptime effettivo del tuo sito web nel corso dell’anno. Nel caso in cui siano molto inferiori all’uptime garantito dal tuo hosting provider (se previsto è scritto nel contratto, SLA, TOS), potrai richiedere un rimborso.
  • Nel caso in cui noti troppi down nel corso dell’anno, potresti pensare di spostare il sito su un provider più affidabile.

Nella pratica, questi strumenti vanno a controllare ogni N minuti se il sito è raggiungibile o meno. Le versioni gratuite hanno ovviamente qualche funzionalità in meno di quelle a pagamento. Spesso controllano ogni 30 minuti o 1 ora, che mi sembra davvero una frequenza poco utile, per cui li escluderei dalla lista principale. Penso che una frequenza di controllo ragionabile possa essere al massimo di 5 minuti. Purtroppo, solo uno strumento gratuito affidabile offre questa soluzione.

UptimeRobot

uptimerobot

  • Numero di siti che puoi monitorare: 50
  • Frequenza di controllo: 5 minuti
  • Tipo di alert: email, sms, twitter, notifica push

Visita il sito uptimerobot.com

Gli altri strumenti gratuiti

Ecco gli altri strumenti gratuiti affidabili a cui potresti dare un’occhiata (frequenza di monitoraggio superiore a 5 minuti):

Infine potresti trovare molto interessante questa implementazione sfruttando Google Docs per monitorare l’uptime del tuo sito web ogni 5 minuti. Geniale.

Scarica ora l’ebook gratuito Blogging Box (V. 1.3.0) e l’ebook gratuito Le 30+ cose da non fare con WordPres (V. 1.0.0). Troverai tutorial e risorse per creare e gestire il proprio blog (o un sito) WordPress autonomamente, e migliorare la propria presenza nel web sfruttando i motori di ricerca ed i social media.

Puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo in parte e fornendo un link all’articolo originale.
Link al post originale: Come monitorare l’uptime del tuo sito web, 9 strumenti gratuiti.
Copyright © Roberto Iacono.

Powered by WPeMatico

admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.