Home » Apple » Apple accusata nuovamente di gioco d’azzardo

Apple accusata nuovamente di gioco d’azzardo

Apple accusata nuovamente di gioco d’azzardo

App Store

Secondo quanto riferito, Apple dovrà affrontare una causa legale per gioco d’azzardo a causa di alcuni giochi free-to-play presenti sull’App Store.

Non è la prima volta che la società affronta cause simili. Nel Giugno 2020, ad esempio, Apple è stata accusata di gioco d’azzardo a causa di alcuni “bottini”, ovvero gli acquisti in-app, che garantivano agli utenti ricompense, potenziamenti, costumi, skin, armi o altri oggetti speciali.

Adesso, la querelante Karen Workman afferma che Apple “promuove, abilita e guadagna” dai giochi d’azzardo sull’App Store.

La donna ha dichiarato di aver scaricato un’app chiamata “Jackpot Mania” nel 2017 e ha iniziato ad acquistare monete tramite l’app in modo che potesse continuare a giocare per avere la possibilità di vincere monete gratuite che le avrebbero consentito di godersi i giochi per un periodo di tempo più lungo. In sei mesi, Workman ha speso più di tremila dollari, 3.312,19 dollari per l’esattezza, in monete di gioco.

Sebbene le app di gioco d’azzardo siano vietate sull’App Store, la causa sostiene che le app con valuta di gioco rientrano ancora nella categoria “gioco d’azzardo” perché gli utenti “hanno la possibilità di vincere e quindi acquisire più tempo di gioco”.

Inoltre, la causa sostiene che “Apple non è un partecipante minore o occasionale a questi giochi d’azzardo illegali. È il principale promotore e facilitatore dell’attività illegale. La società mantiene un controllo dittatoriale su quali app possono essere scaricate dall’App Store e sul metodo di pagamento per acquistare in elementi dell’app “.

La querelante, che cerca lo status di classe, chiede anche il rimborso di “tutti i soldi pagati attraverso i giochi d’azzardo illegali qui descritti”.

Powered by WPeMatico

admin

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.